Pianificare e realizzare le attività valutative rivolte al riconoscimento dei crediti formativi
 

Corso Regionale che rilascia certificato di qualificazione professionale ai sensi del D.lgs. 13/2013, a seguito di esame, valido su tutto il territorio nazionale per formare figure professionali in grado di operare in contesti pubblici o privati, con compiti di pianificazione e realizzazione delle attività valutative, rivolte al riconoscimento dei crediti formativi

ATLANTE LAVORO: ADA.18.01.18 (ex ADA.23.182.591)
Cura degli aspetti metodologici per la valutazione delle competenze ai fini della validazione e/o certificazione

AVVIO CORSO: GIUGNO 2021

Ente erogatore: ERIFO

Il corso erogato da ERIFO è autorizzato nella Regione Lazio, con determinazione G12434 19/09/2019, per la formazione dell’operatore la pianificazione e realizzazione delle attività valutative, rivolte al riconoscimento dei crediti formativi.

Profilo professionale

La figura professionale esercita, in modo conforme alle disposizioni di cui al Decreto del Ministero del Lavoro, di concerto con il MIUR, 30 giugno 2015, la funzione di pianificazione e realizzazione delle attività valutative, con riferimento agli aspetti procedurali e metodologici, a presidio e garanzia, in termini di responsabilità, del processo di individuazione e validazione e della procedura di certificazione delle competenze, anche al fine del riconoscimento dei crediti formativi, ai sensi della normativa regionale.

Sbocchi lavorativi

La figura opera all’interno di un Ente Titolato/Titolare ai sensi della normativa nazionale e regionale vigente, sia come dipendente che come consulente.

Competenze

Il corso consente di acquisire le conoscenze ed abilità, per apprendere a:

  • Pianificare il processo di valutazione a partire dagli standard minimi di prestazione relativi allo standard professionale di riferimento ed agendo in conformità con le regole, identificando i criteri di valutazione e, sulla base della documentazione relativa ai candidati, progettando le prove e definendo gli indicatori di osservazione.

  • Realizzare le prove di valutazione implementando le procedure sulla base degli elementi progettuali e garantendo il rispetto della normativa e la tracciabilità dell'intero processo

Unità di competenza approfondite durante il corso

UC 1 PIANIFICARE E REALIZZARE LE ATTIVITÀ VALUTATIVE RIVOLTE AL RICONOSCIMENTO DEI CREDITI FORMATIVI

  • Inquadramento normativo e metodologico

  • Individualizzazione dei percorsi degli apprendimenti ed alla Progettazione formativa per competenze, rivolta alla capitalizzazione

  • Riconoscere i crediti formativi e definire il progetto formativo individualizzato

Costo

La  quota associativa e il contributo individuale per partecipazione al Corso con qualifica professionale è pari a € 300 da corrispondere al massimo in 2 momenti successivi.
- 25% all’iscrizione
- 75% entro il 10% delle ore
La quota comprende il materiale didattico e l’accesso alle strutture.

Durata

Totale n. 22 ore di lezioni teoriche e laboratori, in conformità dello standard formativo approvato dalla Regione Lazio con Determinazione n° G08080 del 26/06/2018

Frequenza

Il corso può essere frequentato anche da studenti universitari o cittadini iscritti ad altri percorsi di istruzione e formazione.
Le lezioni teoriche e i laboratori in presenza (o a distanza in modalità sincrono - fino a conclusione delle restrizioni pandemiche) avranno una durata di max n. 3 ore al giorno pomeridiane, per n. 3 giorni a settimana, articolati in circa 1 mese di attività.

Crediti

A fronte di comprovata esperienza lavorativa è possibile richiedere crediti di frequenza nella misura massima del 30% durata delle ore d’aula.

Requisiti in ingresso

Titoli di studio:
Diploma di scuola secondaria superiore.

L’accesso a questo corso è propedeutico all’acquisizione della qualifica:
“Accompagnare e supportare l’individuazione e la messa in trasparenza delle competenze, anche al fine del riconoscimento dei crediti formativi

Cittadini stranieri

  • Coloro che hanno conseguito un titolo di studio all'estero, devono presentare una dichiarazione di valore o un documento equipollente/corrispondente, che ne attesti l'equipollenza/corrispondenza di valore con i titoli rilasciati nello Stato di provenienza, ai fini della verifica dei livelli di scolarizzazione;

  • E’ indispensabile la conoscenza della lingua italiana almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue, restando obbligatorio lo svolgimento delle specifiche prove valutative in sede di selezione, ove il candidato già non disponga di attestazione di valore equivalente.

  • I cittadini extracomunitari devono disporre di regolare permesso di soggiorno valido per l’intera durata del percorso.