Spagna

L’evento è stato organizzato allo Stucom College, nel luglio del 2014, per valutare il
progetto Rrapport.
I partecipanti avevano un’età compresa tra i 16 e i 56 anni e tra essi figuravano 5 insegnanti, 3 formatori, e 2 genitori.
La conclusione principale a cui si è giunti può essere riassunta come segue:

  • I video presentano in maniera interessante i problemi che i affrontano i giovani, e possono aiutare a cambiare il loro atteggiamento nei confronti  nell’apprendimento

  • I video dovrebbero essere più corti

  • Poichè gli intervistati vengono da diversi paesi, offrono al progetto una dimensione realmente europea, comprensibile per tutti.

Grecia

Mercoledì 3 settembre 2014 il direttorato regionale dell’educazione primaria e secondaria di Creta ha organizzato a Heraklion la prima parte dell’evento di test di Rapport. I partecipanti erano 20, tra studenti, genitori, insegnanti, formatori, imprenditori e volontari. L’evento è stato aperto da una descrizione del progetto e dalla distribuzione di questionari di valutazione, cartacei e digitali, insieme alle indicazioni per compilarli. I partecipanti hanno avuto 10 giorni di tempo per guardare i video e si sono trovati nuovamente il 14 settembre, per condividere idee e suggerimenti riguardo all’utilizzo dei video nelle scuole per prevenire l’abbandono scolastico precoce.

Italia

L’11 settembre 2014 ERITO ha organizzato a Roma l’evento “OER open day”, con l’obiettivo di presentare I prodotti multimediali realizzati del progetto Rapport, ottenere un riscontro sui risultati e migliorarli sulla base dei suggerimenti ottenuti.
Hanno partecipato 20 persone, tra studenti, insegnanti, formatori, organizzazioni di volontari e imprenditori.
I partecipanti hanno apprezzato soprattutto la capacità dei video di emozionare; l’importanza di un messaggio chiaro veicolato dalle interviste, e l’abilità comunicativa degli intervistati.
L’unico punto debole identificato è la lunghezza dei video, ma il riscontro generale è stato molto positivo.

Svizzera

Il 15 settembre 2014 l’associazione seed ha riunito un gruppo di studenti, genitori, insegnanti, formatori e volontari per testare i prodotti finali del progetto Rapport. Il risultato principale è un insieme di video interviste che mostrano l’esperienza reale di persone con vissuti differenti: alcuni hanno completato un percorso formativo; altri l’hanno abbandonato e concluso successivamente, altri l’hanno interrotto. Lo scopo di tali video è veicolare messaggi efficaci per motivare gli studenti che stanno per finire la scuola dell’obbligo, e mostrare loro l’importanza della formazione. I partecipanti hanno guardato un alcune interviste e le hanno valutate. Il personale di seed era particolarmente interessato all’opinione degli studenti e degli insegnanti, per capire come le risorse del progetto potrebbero essere integrate nei programmi scolastici e come differiscono dal materiale già disponibile. I riscontri dei partecipanti sottolineano l’efficacia emotiva dei video come punto di forza principale.

Regno Unito

Il test è avvenuto in tre sessione differenti il 2,il 16 e il 17 settembre 2014: presso la sede di Superact con i formatori; al South Devon College con insegnanti e studenti e presso l’organizzazione Imayla con genitori, studenti e volontari.
Il risultato è stato positivo, soprattutto grazie alla scelta di mostrare nei video l’esperienza reale di persone con cui gli spettatori si possono identificare e che veicola un messaggio chiaro. Il rischio maggiore identificato è la potenziale mancanza di identificazione con gli intervistati, ed è perciò fondamentale la scelta dei video da presentare agli studenti, a seconda delle caratteristiche specifiche degli intervistati.

Polonia

Il test è stato organizzato il 6 agosto 2014 a Varsavia, presso la Camera di Commercio, con 20 persone, tra cui studenti, formatori, genitori, volontari, portatori di interesse, imprenditori. Sono stati affrontati i seguenti punti: 1. Attività di gruppo per presentare gli obiettivi del progetto 2. Attività individuali per guardare le video interviste realizzate dai partner del progetto e valutarli 3. Attività di gruppo per valutare punti di forza e debolezza, rischi e opportunità del progetto. Oggetto di discussione è stata anche la responsabilità dell’educazione dei giovani, che è tanto dei genitori quanto degli insegnanti. I video sono stati valutati positivamente grazie alla corrispondenza degli intervistati con i destinatari, alla loro naturalezza, e alla varietà delle esperienze presentate.

Irlanda

Il test del progetto Rapport ha avuto luogo presso il Mayo Education centre, il 16 ottobre con gli studenti, e il 22 ottobre con genitori, insegnanti, formatori, volontari e imprenditori. I partecipanti hanno ricevuto una descrizione generale del progetto e hanno scelto i video da guardare. Il riscontro è stato positivo, soprattutto per i video che presentano una seconda opportunità di formarsi, e informazioni riguardanti l’apprendistato. La scelta di intervistare persone con esperienza rilevanti è stata molto apprezzata, insieme alla qualità dei sottotitoli, dai quali dipende la possibilità di comprendere molte delle storie.La lunghezza dei video è stata considerate adeguata al messaggio da comunicare e la qualità tecnica è stata apprezzata. D’altra parte, il riscontro sui video “vite parallele” ne ha messo in dubbio la facoltà di suscitare l’interesse del pubblico, e i video sull’apprendistato sono stati valutati eccessivamente tecnici.

NEWSLETTER N°3

Questa terza newsletter presenta l’esperienza di testing, basata sui 4 video riguardanti vite
parallele, 6 video riguardanti una seconda opportunità e 6 video riguardanti le possibilità di
apprendistato e le professioni maggiormente richieste in un paese: tutti preparati dalle
organizzazioni partner di Rapport.


Tutti i video possono essere visualizzati sul sito www.rapport-project.eu e sul canale
YouTube http://goo.gl/qM0Tz0


Ogni organizzazione partner ha organizzato un evento per testare queste video interviste
coinvolgendo insegnanti, studenti, associazioni, portatori di interesse, ecc. Questi eventi
hanno sottolineato l’influenza positiva dei video sui giovani, in quanto le situazioni descritte
sono molto vicine alla loro esperienza quotidiana.


I video sono stati considerati uno strumento efficace per prevenire e combattere l’abbandono scolastico precoce e per esortare gli studenti a riflettere sulla propria vita e sul proprio futuro, prendendo decisioni a lungo termine.


 

Ungheria

A luglio in Ungheria sono stati organizzati due eventi distinti: il primo con 10 partecipanti, prevalentemente insegnanti e formatori, che hanno visto 15 video di diversi paesi, che mostrano le principali tematiche affrontate, ovvero “vite parallele”, “seconda opportunità” e “ apprendistato”. A ogni intervista seguiva una breve discussione e la possibilità di valutazione. Dopo qualche giorno è stato organizzato un altro evento dedicato a partecipanti che hanno abbandonato gli studi. Il riscontro dei partecipanti è stato molto positivo; molti hanno richiesto e I video più apprezzati sono stati quelli riguardanti le vite parallele, mentre entrambi i gruppi hanno messo in discussione l’utilità dei video sull’apprendistato. È interessante notare che gli studenti che i partecipanti che stavano per ricominciare a formarsi dopo aver abbandonato gli studi erano i più critici. Probabilmente non erano pronti ad essere esposti a situazioni così vicine alla propria esperienza.

E.RI.FO.

  • Via Giuseppe Pianell 8/10

       00159, Roma

 

 

Tel: +39.0669320850 (NUOVO NUMERO)
 

      +39.3292156021

PIC CODE: 948977773
OID: E10064060

C.F: 06024731009

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Social Icon